Seleziona una pagina

Viviamo in un momento in cui la crisi è forte dove da anni ormai le persone che hanno fatto scelte coraggiose, decidendo di restare in montagna e campagna, o quelli che hanno deciso di tornarci per vivere di quello che può offrire il territorio, sempre più spesso sono dimenticati dalle istituzioni.

Chi vive (o tenta di vivere) di agricoltura e allevamento ha enormi difficoltà e tanti, troppi, chiudono la propria azienda o smettono. Queste difficoltà nel vivere producendo “intensivamente” però hanno davvero poco a che vedere con la presenza del lupo e dell’altra fauna. Le piccole realtà agricole sono sopraffatte dalla burocrazia, spesso equiparate, per quanto concerne normative igienico sanitarie, alle grandi industrie. I prezzi del latte non coprono quasi le spese di produzione e la carne viene pagata sempre meno. Così per riuscire a stare in piedi in questo sistema che non considera importanti piccoli contadini e pastori si finisce per fare gli imprenditori. Greggi o mandrie di moltissimi capi, scelta di razze spinte alla iper-produttività selezionate a discapito della rusticità, animali de-cornificati, necessità di aree di pascolo molto vaste difficili da proteggere ed enormi quantitativi di fieno per l’inverno e quindi la necessità di avere anche trattori e attrezzature molto costose. Lo stesso discorso vale per le produzioni vegetali, varietà moderne iper-produttive che necessitano di molti trattamenti a discapito di varietà meno produttive ma più resistenti e sicuramente anche più buone. Ed in questo contesto storico, di grande crisi, davanti all’evidente fallimento economico nel quale ci troviamo, sono (spontaneamente) ritornati i lupi e con loro sono ritornate le paure, i pregiudizi, la disinformazione e la (tanta) strumentalizzazione per fini politici che spesso non guarda in direzione del reale problema. Il lupo mette l’allevamento moderno, ma a pensarci bene non solo quello, davanti ad uno specchio. Il lupo costringe il pastore “imprenditore” a tornare semplice pastore. Il lupo costringe a ridimensionarci a tornare ad uno stile di vita sostenibile. I lupi, quelli veri, non sono quelli a quattro zampe, che ci sono sempre stati e con i quali se lo si vuole realmente si riesce a trovare un equilibrio attraverso sistemi di protezione che permettono una pacifica convivenza. I veri lupi, quelli che stanno annientando la pastorizia, l’allevamento, le piccole realtà agricole, di gambe ne hanno due e sono quelli che hanno costretto i contadini e i pastori, che un tempo vivevano dignitosamente anche con pochi animali e piccoli appezzamenti, a diventare degli “imprenditori” che per riuscire a sopravvivere sono costretti a grandi numeri ed enormi estensioni andando contro la loro vera natura. Il lupo, a pensarci bene, tutto questo ce lo ricorda ogni giorno, ed anche molto bene.

It’s Time to Start Growing Your Business

Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime.

X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: